CALABRIA

CALABRIA
IMMAGINI DALLA SILA

lunedì 30 aprile 2012

IL PRIMO MAGGIO NEI MIEI RICORDI

E' il I° maggio:festa dei lavoratori e del lavoro.
Ma di qusti tempi il lavoro manca e i lavoratori hanno poco da festeggiare.
Negli anni sono cambiati i bisogni,è cambiato il lavoro,sono cambiati i motivi di lotta, i traguardi da raggiungere.
E la giornata del I° Maggio,nelle sue manifestazioni nazionali, si è adeguata,diventando negli ultimi anni momento di festa, di partecipazione,di colore.

Quando la festa era stata ripristinata,dopo la parentesi del fascismo,ero una bambina.Da allora e per moltissimi anni è stato per me un appuntamento fisso.
Aspettavamo con gioia, e per noi ragazzini era un'occasione unica, coincideva anche con la fine dell'inverno,i primi vestiti leggeri.
Ci preparavamo per tempo,io e i miei fratelli e poi con mio padre arrivavamo in paese.Lungo la strada si formavano dei gruppi,sempre più numerosi,perchè il nostro era un paese agricolo e per un giorno il lavoro,tutto,si fermava.
Facevamo sosta dagli zii che abitavano all'inizio del paese.
La zia ci faceva trovare sempre qualche dolcetto,della limonata fresca e dissetante.

Mio padre ci lasciava per andare con gli altri compagni:c'era da organizzare il corteo,distribuire le bandiere,assicurarsi che ci fosse la banda,il palco per i comizi,i volantini da distribuire.
Noi assaporavamo il lato più "commerciale"della festa:gelati,qualche banchetto con nocciole,torrone,collanine e roba simile.
Ma quando il corteo era pronto,tutti noi ragazzi eravamo in prima fila,con le nostre coccarde le nostre bandiere,(chissà se erano formato speciale adatto a noi?).
Era una festa di colori,un fiume di persone sotto un mare di bandiere che si muoveva per le strade del paese,e cresceva ad ogni angolo di strada,le porte e le finestre delle case aperte amplificavano se possibile gli inni che la banda
intonava ,e che molti di noi cantavano.

Il corteo terminava in piazza dove c'era sempre qualche bravo oratore che spiegava il senso della festa,le lotte che bisognava portare avanti,i risultatiche si erano ottenuti,o sperati soltanto...
Finita la festa era problematico ritornare a casa perchè mio padre si fermava continuamente a parlare con gli amici,a commentare,a salutare.E noi non vedavamo l'ora di arrivare e riposare.

L'inno,scritto da Filippo Turati nel 1893,quì completo, risente certamente della retorica del tempo,ma emoziona ancora.
Spero piaccia anche a voi



NOTA A MARGINE
Ho parlato del primo maggio come lo ricordo,nel mio paese,dal quale manco da troppi anni.Un'articolo di stampa di oggi mi conferma che la tradizione continua,ininterrotta,allora era solo PCI.



Bova (Rc): manifestazione del primo maggio del Pdci

Lunedì 30 Aprile 2012 10:03
Anche quest’anno grande manifestazione del Primo Maggio a Bova Marina.
La tradizionale manifestazione di Bova Marina rappresenta, indubbiamente, il Primo Maggio più longevo.
Ebbe inizio nell’immediato dopoguerra e non fu interrotto neanche quando nel 1950 i cortei del Primo Maggio furono vietati da una circolare del ministro Scelba.
Si tenne anche in quell’anno e da allora, anno dopo anno, si è arrivati a questo Primo Maggio 2012, ancorché alcuni dei suoi maggiori protagonisti, come Domenico Larizza, Leo Autelitano detto “u caciutu” e Leo Marino, putroppo,  non sono più con noi.
67 anni: un primato invidiabile e irraggiunto, visto che negli altri centri della provincia il Primo Maggio non viene più solennemente celebrato da tantissimi anni con il corteo per le vie del paese e la banda musicale.
Quest’anno il programma del Primo Maggio prevede il concentramento dei lavoratori in Piazza Stazione alle ore 17.00, da dove partirà il corteo per le vie di Bova Marina.
La manifestazione sarà conclusa a Piazza Municipio, dove si terrà un concerto della Banda musicale diretta dal maestro Stelitano e il pubblico comizio del prof. Pasquino Crupi, intellettuale meridionalista, e del segretario regionale  dei Comunisti Italiani Michelangelo Tripodi.
Si prevedono delegazioni dei paesi vicini, mentre dalla Francia, dove si trova per la sua attività letteraria, ha inviato un messaggio d’auguri lo scrittore Gioacchino Criaco.  

16 commenti:

  1. Ciao Chicchina, mi sono permessa di mettere il tuo post sul mio blog. La fonte, il tuo link e il tuo nome, sono chiaramente riportati.
    Ti ringrazio, ma se questo non ti piace non hai che da dirmelo e lo tolgo.
    Un caro saluto,
    Lara

    RispondiElimina
  2. Laura,mi fa solo piacere ed anzi ringrazio te per averlo fatto.
    I ricordi di ognuno di noi possono ricomporre un puzle che unisce se condiviso.Un abbraccio ed ancora grazie.
    Ciao

    RispondiElimina
  3. Cara, un post bellissimo, l'ho detto già a Lara, credo ci sia co o nulla da aggiungere. Ci sentiamo, con affetto.

    RispondiElimina
  4. Ciao Riri,sempre troppo buona.
    Ti abbraccio e a presto sentirci.

    RispondiElimina
  5. E' bastato vedere i tre limoni in foto che mi hanno dato il benvenuto, leggere il contenuto di questo tuo post e ascoltare tutto il video per emozionarmi e farmi venire i brividi. Che ricordi!
    Ciao Chicchina,
    aldo.

    RispondiElimina
  6. Un primo maggio da ricordare, cara Chicchina, la Festa era un momento d'incontro..bellissimo post. Un abbraccio

    RispondiElimina
  7. Aldo,bei ricordi,vero?cose d'altri tempi,meno i limoni che ci allietano sempre.
    Un salutone e ..preparati a riferirci tutto del prossimo importante incontro romano.
    Ciao

    RispondiElimina
  8. Ciao Nicola,non c'erano grandi sfarsi,allora,ma grandi ideali e tanta voglia di cambiare il mondo.Che illusi eravamo!!!!
    Sereni giorni.

    RispondiElimina
  9. Gli ideali.. dici bene cara chicchina..gli ideali erano l'energia vitale di ogni uomo e forse per questo in passato si son raggiunte importantissime mete..poi i tempi sono cambiati, la mentalità e le esigenze..altri ideali hanno soppiantato i vecchi. Brava. Evviva ed onore al primo maggio di Bova Marina.

    Un caro abbraccio ciao

    RispondiElimina
  10. Sicuramente i tuoi ricordi piu belli
    un caro saluto
    Maurizio

    RispondiElimina
  11. Rosy,spero ci siano ancora persone che credono in qualcosa,
    anche se gli ideali cambiano,con il tempo.Per noi era la rinascita dopo la guerra e la dittatura, i giovani di adessosarebbero contenti già a poter coltivare il sogno di un lavoro decente..
    Un abbraccio ed una buona domenica.

    RispondiElimina
  12. Bei ricordi,Maurizio,anche perchè legati all'età,e adesso rivisitati a distanza di molte lune....
    Una buona domenica.

    RispondiElimina
  13. Cara, un buon inizio settimana ed un abbraccio:-)

    RispondiElimina
  14. Hai ragione: mi piace proprio! I ricordi tuoi dell'infanzia si mescolano con i miei, e mi riportano a quell'età dell'oro, o dell'innocenza, in cui tutto era lineare, facile, giusto!
    Penso anche a che grande ricchezza ci hanno lasciato in eredità i nostri padri e come ancor oggi, che tanti sogni sono sfumati, sia importante mantener viva la fiducia nell'uomo e nel futuro che li ha sorretti e guidati in quegli anni di lotta.
    L'anno scorso, per caso, c'ero anch'io alla festa del primo maggio a Bova ed è stato un momento di gioia pura!

    RispondiElimina
  15. Ciao,Riri,scusa la lentezza dei miei commenti,mi sento un po in letargo,altro che primavera...
    Un abbraccio e a sentirci.

    RispondiElimina
  16. Ricordi comuni,Nina e anche tanta tristezza per come le cose cambiano,col tempo.Almeno la speranza di poter conservare e preservare il patrimonio che abbiamo avuto in eredità dai nostri genitori.Ho letto un disgustoso post sulla festa,scritto da uno dei soloni bovesi.Ho lasciato anche un commento,ma al solito,non si risponte...
    Un saluto e..portiamo pazienza.

    RispondiElimina