CALABRIA

CALABRIA
IMMAGINI DALLA SILA

giovedì 18 febbraio 2016

19 FEBBRAIO 200....

UN GIORNO,UN ANNO,UN TEMPO

ALLUCINAZONI DI TEMPO
QUELLE CHE CI INVENTIAMO
PER TRATTENERE I GIORNI
ENTRO TRANSENNE DI ORE
E GABBIE DI MESI E DI ANNI.
ERA IERI E TU C'ERI.
IERI...OGGI...DOPO...
SOLO PERLE DI ATTIMI
CHE ROTOLANO FRA CIELO E TERRA.
NELLA LORO POLVERE
DOMANI CERCHERO'
IL SUONO DELLA TUA VOCE
LE TUE MANI I TUOI OCCHI.
SEI PASSATO,FU UN ATTIMO,
ATTRAVERSANDO IL TEMPO,
TEMPO CHE RESTA, ETERNO.



Foto dal webb

sabato 9 gennaio 2016

LA CALABRIA IN VERSI



La Calabria non è abituata ai primati,se non in qualche stereotipo negativo,da sempre.
Non è avvezza alle coccole,agli sguardi benevoli,dovuti agli ultimi,caso mai solo ruvide e melense promesse,morte già prima di essere pronunciate.
E' parca di parole,la fatica di vivere ha prosciugato le bocche,che si abituano a restare chiuse,sigillate,anche quando l'urlo dell'impotenza , della rabbia,della vergogna lacera le visceri e strozza la gola.
Ma è terra generosa,di uomini e di bellezza.
Basterebbe che gli uomini imparassero a conoscere meglio le cose che possiedono per usarle come chiavistelli per aprire porte nuove,usassero ingegno e generosità per offrire e non la furbizia per offrirsi,in cambio di favori e piccoli intrallazzi.
Ha avuto ed ha uomini di valore e d'ingegno,spesso sparsi per il mondo a dare il loro contributo di sapere, di scoperte,di creatività.
Faccio queste considerazioni dopo aver letto alcune bellissime poesie di un non molto ricordato poeta calabrese,Franco Costabile (Sanbiase 1924-Roma 1965).
La sua poesia, dettata da amore-odio per la sua terra ,sembra ancora attuale,perchè poche cose sono cambiate dagli anni delle sue denunce,con i suoi versi taglienti e amari.

Ma questa ,pur nella sua cruda realtà,è quasi un canto d'amore.

Sonno di garofani -
L'acqua 
del paese 
ancora scorre 
senza tubature, 
ne s'alzano antenne 
architetture 
di pulegge e gru 
perché gli uccelli 
possano sbagliare. 

















C'è pace 
vita chiara 
di donne di bambini 
di carri tirati dai buoi 
e a sera, quando ai balconi 
c'è un sonno di garofani, 
due stelle bizantine 
s'affittano una stanza 
nel cielo della piazza.


Le foto riportate sono prese dal Webb.