CALABRIA

CALABRIA
IMMAGINI DALLA SILA

mercoledì 16 maggio 2012

ALBERI DELLA MEMORIA-MEMORIA DEGLI ALBERI

Mi chiedo spesso se gli alberi conservino memoria dei fatti .Io credo di si.
Affidiamo agli alberi,per la loro lunga vita,ma anche per ciò che rappresentano in natura, i nostri ricordi la nostra memoria.
Loro nascono e se curati con amore crescono,mettono rami ,ne perdono,rinascono ad ogni stagione,continuano a dare fiori frutti bellezza.
E quando non ci sono più ,ancora se ne prolunga la memoria,almeno per quelli che hanno la fortuna di trovare un cantore un poeta un pittore un fotografo un narratore.
Penso ad uno dei tanti alberi che ho visto crescere,l'albero di ulivo, già alto da quando ne ho memoria.
E' ancora lì e ne ha viste di cose....
Ha visto crescere ed invecchiare sotto i suoi rami i miei nonni,che
forse lo avevano già trovato accanto alla loro casa.
Ha visto crescere ed invecchiare i loro figli i loro nipoti e pronipoti,siamo alla quinta generazione.

Penso all'Orto del Getsemani,dove Gesù,secondo il Vangelo,si ritirò a pregare , meditare, chiedere conforto al Padre,prima della crocefissione.
foto dal web

Penso all'ulivo che costituiva parte dell'arredo della casa di Ulisse,come ci viene raccontato da Omero.
"Suvvia,Euriclea,apprestagli il solido letto
fuori dal talamo,già da lui costruito;
portate qui fuori il solido,e gettatevi
sopra coperte e pelli e guanciali lucenti"
"Donna,hai detto parole davvero offensive.
Chi potrebbe altrove portare quel letto?
.......................................
..................... un grande segreto
è in quel letto,soltanto da me costruito.
Dentro il recinto un olivo sorgeva di fronde
fitte,fiorente:sembrava il suo tronco
una grossa colonna:intorno ad esso il talamo feci
con pietre connesse,e lo coprii di buon tetto,
porte ben salde vi posi con forti battenti.".

E il Pino,il pino del Caos accanto alla tomba di Pirandello. Ora non c'è più,ma restano racconti schizzi,fotografie,memoria documentale.

foto dal web

E il pino immortalato da milioni di scatti,sulla collina di Napoli?,non c'è più ma ne rimane memoria


Vicino casa posso ammirare lo splendido "castagno dei cento cavalli"che vive fra realtà e mito,ma vive ed attraversa secoli di storia.
..Il Castagno dei Cento Cavalli è il più vecchio albero d'Europa con i suoi oltre duemila anni di vita, per la grandezza il primo al mondo come elencato nel famoso libro "il Guinnes dei primati".


ancora altero e frondoso..



da un dipinto di J.Houel-museo Hermitage-S.Pietroburgo

E il melograno del Carducci? Quanti di noi non hanno recitato qualche verso della poesia che lo consacra alla memoria?



Sono stata a vedere il pino dove si dice abbia riposato Garibaldi,attraversando,ferito,la Sila.



Per tornare quasi alla contemporaneità,l'albero di Falcone,a Palermo,memoria viva di fatti tragici e di sentimenti di ribellione di rivalsa di un popolo ancora in bilico fra due mondi,quello della legalità e della giustizia e quello del malaffare della illegalità della politica grigia e collusa.


Penso al carrubo,esempio di forza e scarse pretese,pronto a regalare frutti abbondanti e la frescura delle sue fronde senpreverdi,proprio in zone particolarmente aride.

sulla strada per Ispica -RG-


Alberi con addossi i segni del tempo e i capricci del caso

alberi-non- alberi,come raffinate sculture


Alberi dalle forme strane,contorte,misteriose.

Il post resta aperto ad altri eventuali contributi da parte di chiunque voglia partecipare.Grazie

24 commenti:

  1. Ciao Chicchina grazie per questo meraviglioso
    post dove hai rispolverato queste stupende foto,
    ho visto degli alberi che nemmeno pensavo potesse esistere tale meraviglia della natura.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lieta che ti sia piaciuto il post.Come dico sempre sono molto curiosa e raccolgo di tutto,immagini notizie...ed apprezzo, come tutti, le bellezze della natura.
      Ciao Tiziano,ti auguro un buon fine settimana.

      Elimina
  2. Gli alberi sono la memoria di ciascuna epoca.La loro presenza, avulsa dal tempo che scorre,è il filo che unisce le generazioni.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ci troviamo perfettamente d'accordo,Costantino ed anche se con mezzi limitati cerco anch'iodi dare un piccolo contributo a che' questo filo non si interrompa.

      Elimina
  3. Fantastici questi alberi...guarda questo che si trova a Bordighera. Vai a foto
    Roberta

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio per il commeto ed il suggerimento.Ho guardato le foto,magnifico esemplare!Conto di raccogliere ancora testimonianze e ccontinuare con un nuovo post.Se mi autorizzi preleverò delle foto anche da te,citando ovviamente blog e fonte.
      Ancora grazie e buon fine settimana

      Elimina
  4. Complimenti chicchina per questo post.
    Gli alberi sono assieme ai fiori l'ornamento di questo meraviglioso pianeta.
    Dobbiamo molto agli alberi..ricordi, frutti e ombra sedere sotto un albero e godere della loro frescura in una giornata calda.

    Un bacione e buona giornata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono la vita,Rosy e spesso non ci facciamo neranche caso.
      Sono contenta che ti sia piaciuto il post,ci penso da tanto..
      Un abbraccio e buon fine settimana.A presto sentirci.

      Elimina
  5. Già, ed è una vera tristezza, un autentico dolore quando li abbattono per far spazio a qualche altro pezzo di cemento oppure vengono bruciati da qualche piromane folle o, più facilmente, fin troppo calcolatore e senza scrupoli :-(

    www.wolfghost.com

    RispondiElimina
  6. Testimoni del passato e sentinelle per la vita futura,ma manca ancora una sana e diffusa educazione ambientale,e il rispetto per la vita,in tutte le sue forme.
    grazie per il contributo,Wolfgost.Una serena domenica

    RispondiElimina
  7. Un post troppo bello! Gli alberi mi incuriosiscono, mi rinfrescano, ci salivo su da ragazzina, li adoro, ci sono alberi che hanno una lunga storia, poi c'è la storia degli alberi, così semplice e viva, con le sue radici che affondano, vita pura!!
    Un abbraccio grande e buon inizio settimana, qui piove da giorni.

    RispondiElimina
  8. Anche tu salivi sugli alberi?se solo potessi farlo ancora...
    Certe volte mi fermo a contemplarli nella lro bellezza o stranezza.
    Ciao Riri,un abbraccio

    RispondiElimina
  9. Gli alberi vecchi, li adoro anch'io.É una meraviglia il "castagno dei cento cavalli" É un post eccellente! Mi sento fortunata di poter vedere le tue foto e leggere il testo.
    Buona serata e un bacione

    RispondiElimina
  10. Sono io felice di avere i tuoi commenti.Dovremmo dare più soazio e più importanza agli alberi,in fondo fanno parte della nostra vita quotidiana,sopperiscono a tanti nostri bisogni sempre con generosità.Grazie ancora e sei sempre la benvenuta.Ciao

    RispondiElimina
  11. Chicchina è un post stupendo!
    "L'albero a cui tendevi a pargoletta mano..." Pianto antico è una poesia che ho sempre in mente e che mi commuove ogni volta che me la ripeto. (Sono fortunatissima di avere un melograno e proprio in questi giorni comincia a fiorire);
    Il pino di Napoli, i magnifici ulivi, i castagni e la bellezza della natura; i tuoi bei pensieri che arricchiscono la mente e nutrono lo spirito.
    L'ulivo dei nonni mi è caro in particolare perché era nella locandina di uno mio spettacolo di tanti anni fa "Solamente gli ulivi" dedicato proprio a Falcone e Borsellino...
    Un abbraccio
    Nina

    RispondiElimina
  12. Anche da me melograni in fiore...Se verrai da queste parti,promessa visita al castagno dei cento cavalli,mille fravole e un mito!L'ulivo fa parte del nostro vivere e dei nostri ricordi più belli.Per te un motivo in più.
    Molti alberi hanno una magia particolare..Grazie Nina,sempre commenti interessanti i tuoi.Un salutone.

    RispondiElimina
  13. E' favoloso il documentario che hai fatto impreziosito da immagini straordinarie.
    P.S. Vado spesso al Cippo di Garibaldi in Aspromonte, è un posto incantevole!!

    RispondiElimina
  14. Cara Caterina, anch'io facevo scalate pericolose sugli alberi, un post ricco e bello, fa amare la natura. Un caro saluto.
    ps. Tutti a Napoli (vedi post sull'isola che c'è). Buon fine settimana.

    RispondiElimina
  15. Ciao Elettra,qualche immagine è in prestito..Ci sono passata sabato,dal Cippo,per deviazione obligatoria,strade e boschi invitanti.
    Un sereno fine settimana,e a presto.

    RispondiElimina
  16. Corro subito a leggere,Nicola.Forse salire sugli alberi ci faceva vedere inl mondo più grande? ma era bello...

    RispondiElimina
  17. Oh, se ognuno di noi sapesse seminare se stesso!

    RispondiElimina
  18. Bella considerazione,Cosimo.Ciao,buoni giorni.

    RispondiElimina
  19. Wuota Nina, Chicchina sei GRANDE;

    RispondiElimina
  20. Grazie Maurizio,un giudizio lusinghiero.

    RispondiElimina