CALABRIA

CALABRIA
IMMAGINI DALLA SILA

venerdì 27 maggio 2011

IL PAESE DEL GRANO




Era il paese del grano,il mio-
Colline che in maggio erano verdi come la speranza dei contadini che attendevano fiduciosi.
Colline che diventavano d'oro in giugno,e a luglio brulicavano di uomini e donne,un formicaio umano che raccoglieva fino all'ultima spiga, perché ogni spiga rappresentava una possibilità in più di sopravvivenza.







Era il paese del lino,lunghi e fragili steli che ondeggiavano ad ogni brezza e si coloravano di tenero azzurro prima di dare semi abbondanti per la prossima stagione e preziose fibre che mani sapienti avrebbero trasformato in filati e tessuti di pregio. Altre mani vi avrebbero ricamato sopra trame di sogni e di colori aspettando l'amore ed una nuova famiglia.







Era il paese dei fichi. Il caldo sole mediterraneo li faceva maturare e non costava fatica farli essiccare su cannicci intrecciati con le ginestre.
Sarebbero serviti,e come,nei lunghi giorni di inverno, quando erano spesso companatico,frutta e trasformati in dolci,diventavano il lusso delle feste natalizie.

Era il paese del sole,sole che nelle interminabili giornate estive disidratava la terra gli alberi gli uomini,gli animali,mentre solo le cicale riuscivano ancora a resistere e cantare in un supremo tentativo di sopravvivenza.
Era il paese:la gente ci nasceva,viveva e spesso moriva senza mai spostarsi troppo.
Si accontentavano di poco,quando il niente era la normalità e il di più un lusso per qualcuno.

I giorni succedevano ai giorni e le stagioni segnavano il calendario dei lavori,delle nascite
del raccolto.
Nella bella stagione si poteva sentire qualche chitarra accordarsi ad un organetto per estemporanee serenate,complice la luna .
E la frescura della sera invitava a lasciarsi andare,si parlava,si raccontava.
D'inverno il fuoco e qualche bicchiere di vino creavano strane complicità fra le generazioni. I bambini pendevano dai “fatti”raccontati dai nonni, parte integrante della famiglia.

I “fatti”erano un sostituto delle favole,racconti non scritti di cose capitate a qualcun' altro in luoghi e tempi non definiti.
Erano sempre gli stessi e solo la bravura di chi raccontava riusciva a creare ogni volta nuovo interesse.
E si cresceva,in fretta,si frequentava la scuola,certo,ma la vita completava l'insegnamento pratico.
Non so e non voglio dare valutazioni,se era meglio o peggio. Non c'era scelta, nè modelli di riferimento.

Era la storia,in cammino.
Di questa storia,storia minima,forse insignificante,con la "esse "minuscola,io ne sono stata parte.

43 commenti:

  1. Ciao Chicchina, la belle foto dei fichi mi a messo una voglia matta da gustarli.
    Buon fina settimana cara amica.
    Tomaso

    RispondiElimina
  2. Che post meraviglioso,fatto di ricordi e sensazini indimenticabili.
    Mi gemellerò a te, quanto prima.
    Significa che citerò il tuo blog,aggiungendo qualcosa di mio.
    Ciao e grazie per i commenti
    Cristiana

    RispondiElimina
  3. Chicca, mi fai ricordare di quando andavo in Puglia da mia sorella, quelle immense distese di grano gia' dalla Basilicata verso Matera, poi i Fichi da me stanno gia' per maturare i Fioroni, vuol dire che sei del caldo sud, ti saluto.
    gaetano

    RispondiElimina
  4. Perché ti nascondi? Il tuo profilo è esangue!

    RispondiElimina
  5. Tomaso,almeno per quelli freschi ci siamo quasi.Per gli altri...vedremo il da farsi.Un caro saluto,e buona domenica pure a te.Grazie per essere passato.

    RispondiElimina
  6. Cristiana,sarà un piacere anche per me.Lo sto facendo qon altri bloggers,ci metteremo d'accordo,perchè non sono molto ...tecnologica
    Una serena domenica,in attesa del lunedi.
    Ciao.

    RispondiElimina
  7. Ciao,Gaetano,bello il tuo commento,qualche ricordo in comune.Ma io sono ancora più a sud:vero che c'è sempre un sud più a sud!Vivo in Sicilia.
    Non ho trovato il tuo blog,ma sarò felicissima ogni volta che vorrai essere presente.Ciao e buona domenica.

    RispondiElimina
  8. Ciao,Luigi,ma perchè dici che mi nascondo?
    Di basso profilo?,E' che non ho molte frecce nel mio arco,da esibire.E' un piacere ogni tuo commento,sempre.
    Ciao

    RispondiElimina
  9. Parlavo del profilo sul tuo blog, non ci sono molte notizie, nemmeno quelle essenziali. Questo intendevo dire ma mi sono espresso in modo inadeguato. Se apri il profilo del mio blog qualche notizia in più c'è, compreso la mia mail oltre al mio nome e cognome per esteso!
    Prima ce n'erano molte di più. ma a un momento dato le ho ritenute inutili e le ho cancellate" :-)
    Z

    RispondiElimina
  10. Il dipinto, bellissimo, che usi come testata del tuo blog mi fa pensare alla Toscana: sbaglio?

    RispondiElimina
  11. Avevo capito,Luigi,ti sei espresso benissimo.
    Ho iniziato così e non ho più pensato di fare variazioni.Ma attraverso i miei post mi racconto con molta fedeltà.
    Amo la Toscana,ma io sono Calabrese,ho passato parte della vita lavorativa a Milano,e da anni vivo in Sicilia.
    Su questo blog cerco di fare un piccolo archivio della memoria,cose mie e cose di altri bloggers,perchè indipendentemente da dove viviamo o dove abbiamo vissuto,molte cose sono comuni a tutti o quasi.
    Ciao,Luigi.

    RispondiElimina
  12. Pensa te! Sai che c'ero quasi arrivato, spigolando nel tuo blog! L'immagine del quadro è di un pittore toscano, Adolfo Tommasi. Quanto a me, io sono di origine siciliana, sono un oriundo.

    RispondiElimina
  13. Sicilia e Calabria,quasi gemellati,tante cose e tanta storia in comune.Uscirne dai confini da sempre è stata per molti una necessità,anche se spesso positiva.
    Grazie per la informazione sul dipinto

    RispondiElimina
  14. Chicchina, non ho un blog, seguo sempre Stella-Gianna, e nella bella Sicilia ci sono venuto un sacco di volte e che amo molto, oltre ad esserci dei parenti come la figlia di mia sorella che ha sposato un bravissimo ragazzo di Sciacca.
    Ti saluto e verro' spesso a darti fastidio nel tuo blog.
    gaetano

    RispondiElimina
  15. Per me sarà sempre un piacere leggere i tuoi commenti.La Sicilia è bella e ricca di storia e tradizioni,io ci vivo benissimo,ormai da tanti anni.Nessun fastidio,dunque,Gaetano.
    Una buona domenica.

    RispondiElimina
  16. Una di queste volte ti dirò dove ho preso questa informazione: resterai sorpresa.

    RispondiElimina
  17. Cara, mi fa piacere leggere uno spaccato di vita ed emozione, ti auguro una buona domenica, grazie sempre per le tue parole...
    Era il paese del sole, il mio:-)
    La Sicilia, Toscana, Calabria..bellissime, ma tutto il nostro paese lo è. Un abbraccio.

    RispondiElimina
  18. Chicchina aiut..! scusa se invece dell'ultima spiga vengo a parlarti dell'ultima sfiga, ma dato che sei stata l'ultima a commentare sul mio blog.. l'ultima a passare sulla scena del delitto! mi viene naturale venire a trovarti
    magari è un baco momentaneo, ma sul mio blog NON si può più commentare.. me l'hanno detto in diversi, e nemmeno io in effetti posso farlo. Tu riesci?
    cosa può essere? se qualcuno sa come si sblocca, GRAZIE per favore.
    :-)

    RispondiElimina
  19. Leggere questo tuo post è stato per me un tuffo nel passato
    In questi mesi nei paesini agricoli i colori della terra li vestiva dall'oro del grano al rosso dei pomodori.

    Il canto della terra con le sue mille note colorate sotto il sole dell'estate suonava la sua eterna sinfonia e
    noi che abbiamo avuto la fortuna di ascoltarla e oggi la cantiamo sottovoce, credimi cara chicchina,
    Leggere il tuo post è stato ogni nota di quell'antica sinfonia ha accarezzato il mio cuore.

    Grazie sei davvero una persona che sa raccontare con dolcezza e garbo ogni cosa.
    E' la verità tu sai che non dico mai bugie.

    Buona domenica e bacione cara Caterina a te e famiglia.

    RispondiElimina
  20. Grazie Riri,già preso il caffè?
    Dici bene,il nostro paese è tutto bello,anche se spesso ce la mettiamo tutta per farci del male.
    Speriamo che il sole,ritorni.Buona domenica,anche per te.Ciao.

    RispondiElimina
  21. Gioia,mi rammarico per quello che scrivi,ma ieri la piattaforma blogger non funzionava,anche da me.Se passi in giro per altri blog,lo potrai costatare .Ho cercato di postare da te anche sull'ultimo ma non ci sono riuscita.
    Ti auguro che tutto possa risolversi presto e per il meglio.Mi scuso ancora ma non credo di essere responsabile.Se ho notizie ti contatterò anche tramite questo blog.Ciao

    RispondiElimina
  22. Ho provato il blog di Gioia. Nel suo PC. ha un malware (Si definisce malware un qualsiasi software creato con il solo scopo di causare danni più o meno gravi al computer su cui viene eseguito) che ha infestato il suo PC. in quanto lei si è collegata con il sito cdkkru322.co.cc a sua volta già infestato (blogger ha informato il sito del fatto che, probabilmente a insaputa del titolare, fa da dispensatore di questi programmi dannosi. Gioia deve fare la scansione dell'intero PC. con buon antivirus (io uso AVG). Sarebbe meglio chiamare un tecnico informatico installatore.I problemi di connessione con blogger sono altra cosa e dipendono da guasti tecnici.
    P.S.: evita di contattare il sito di Gioia, una manovra imprudente potrebbe infettare anche il tuo PC., mandale una mail

    RispondiElimina
  23. Ti ringrazio,Luigi,spero che Gioia passi a leggere ancora quì.Non ho la sua email,e adesso mi astengo anche dall'aprire il suo blog per evitare altri danni.
    Tecnicamente non sono molto preparata anzi quasi zero,ma spesso devo ricorrere a qualche ..aiutino dei miei pazienti figli.
    Ancora un grazie per la tua disponibilità ed i consigli.Ciao.

    RispondiElimina
  24. Rosy,mi dici delle cose bellissime,che riguardano il nostro tempo,di allora come di adesso perchè anche riportare i ricordi, senza le scorie delle realtà non sempre idilliaca,può servire a noi e a chi leggendo ricostruisce qualche paginetta di piccola storia.
    Ricambio i saluti ,quì finalmente una domenica di sole.

    RispondiElimina
  25. <Bene, ma fai anche tu una scansione del disco rigido del tuo PC, se ne hai uno solo bene, se ne hai più di uno allora solo quello che contiene il programma operativo, in genere si chiama disco C.
    La scansione antivirus va ripetuta almeno una volta al mese.
    Chiama in soccorso i tuoi figli, il mio è ingegnere elettronico all'IBM di Milano e mi aiuta spesso, tutte le volte che non so e lo può fare anche da un accesso remoto (un apposito programmino), cioè a distanza.

    RispondiElimina
  26. grazie della risposta! :-))
    e..."colpevole"? ..CI MANCHEREBBE ALTRO.. il delitto se c'è non è certamente di chi commenta. Comunque, ancora tutto bloccato, sigh :-(
    ti terrò informata

    RispondiElimina
  27. Gioia,hai letto quanto scritto da Luigi Morsello,sopra?Spero vada tuttoOK.Ciao

    RispondiElimina
  28. Buona giornata, il caffè lo prendo ora di nuovo
    :-)Accomodati:-)Un abbraccio virtuale e sincero.

    RispondiElimina
  29. Gli auguri sono per Gioia, di risoluzione dei problemi del suo blog, che a mio giudizio sono gravi.
    Io riesco a commentare, come vedi.

    RispondiElimina
  30. Gran bel post! I ricordi sono parte di noi. Una parte importante e unica.
    Oggi sarà un giorno da ricordare: aria nuova da respirare e un Paese che ha voglia di cambiare.
    Un caro saluto!

    RispondiElimina
  31. Qualche notizia sul pittore: " Adolfo Tommasi (Livorno, 1851 – Firenze, 1933) è stato un pittore italiano.
    Cugino dei fratelli Ludovico e Angiolo, frequentò l'Accademia di Belle Arti di Firenze, sotto la direzione di Carlo Markò.
    Fu un abituale frequentatore della villa di Bellariva, di proprietà dei Tommasi, dove incontrò Silvestro Lega, che lo ispirerà artisticamente per larga parte della sua carriera. Il naturalismo che all'inizio lo contraddistinse, mano a mano si temperò in un luminismo più accentuato che riecheggiava alcune soluzioni impressionistiche, condotte spesso con l'utilizzo della tecnica mista olio-pastello. Il primo successo fu lo scandaloso quadro Dopo la brina (Cavoli brinati), esposto a Torino, che suscitò grandi dibattiti sulle riviste del tempo. Nel 1884 il dipinto Il fischio del treno (Roma, Galleria Nazionale d'Arte Moderna) ottene la medaglia d'oro.
    Partecipò nel triennio 1899-1901 alle edizioni della Biennale di Venezia, guadagnandosi i galloni di insegnante di disegno all’Accademia Navale di Livorno, ma la sua cagionevole salute gli impedì di avere una regolare e continua attività artistica.
    Lavorò nella Pia Casa di Lavoro di Livorno, dove eseguì un ciclo pittorio per la cosiddetta Sala dei Benefattori (oggi al Museo civico Giovanni Fattori).
    La sua opera artistica, oggetto oggi di attenta valutazione, si compone prevalentemente di paesaggi toscani e liguri, nonché di scene di vita quotidiana.". Il nome compare sul tuo blog, basta acquisire l'immagine e vedrai che è intestata. Continuo a trovarlo molto bello questo dipinto.

    RispondiElimina
  32. I tuoi post sono sempre così evocativi, tra immagini e parole, informazioni e sensazioni!

    RispondiElimina
  33. Una varietà di fichi sono i c.d. "fichi troiani", vero?

    RispondiElimina
  34. Finalmente posso commentare anch'io,pare tutto risolto!.
    &&& Riri,al caffè di domani,ora c'è già da pensare alla cena.Ciao.
    &&& Angelo Azzurro,tardi ma ringrazio anche da quì-Ciao
    &&& Carolina ,grazie,mi piacciono i tuoi commenti.

    RispondiElimina
  35. Grazie Luigi,per le notizie su Adolfo Tommasi.Io l'ho prelevata da una rivista,in rete: cercavo qualcosa di Fattori o Segantini,
    sul grano,poi ho trovato questa.Lo so che compare in rete sul mio blog.Hai ragione per i fichi,sono una qualità tipica del napoletano ma allinga bene anche in Calabria e Sicilia.
    Sto curando la mia pianta perchè a breve ci saranno i fioroni,una prim fioritura,e poi il frutto tradizionale.
    Ti lascio un cordiale saluto.

    RispondiElimina
  36. Ciao Chicchina,mi piace il tuo post,si sente la tua anima per come è scritto,belle anche le foto,i fichi..........gnam gnam.
    Buona serata.
    Un abbraccio.

    RispondiElimina
  37. Ciao Chicchina, una buona serata, una festa sentita per domani , con tanta stima e simpatia da tutti noi dell'Isola che c'è:-)
    Sai, sono nato in montagna, ma il grano, la descrizione che ne fai, anche al mio paese..era una festa.A risentirci.

    RispondiElimina
  38. Ciao,Achab,è un piacere il tuo commento,e' un posto particolare,questo,dove vengo a depositare memorie e ricordi.
    Buona festa,per domani,e a presto.

    RispondiElimina
  39. Ricambio saluti e simpatia per tutti gli "isolani".Era una festa,veramente,uno sfogo dopo un lavoro durissimo,e il discorso credo fosse uguale dappertutto.
    Ciao,ancora,Nicola.

    RispondiElimina
  40. Buon fine settimana e grazie:-) Anche se piove incessantemente da quasi 4gg.Un abbraccio.

    RispondiElimina
  41. Ciao Chicchina, pensavo di averti fatto un commento, ma si vede che mi è rimasto nella "penna", un caro e caloroso abbraccio ed un grazie, per la tua presenza e simpatia che ricambio, buon fine settimana..qui diluvia da 4 gg. pazienza.

    RispondiElimina
  42. Riri,ci sono tutti e due e ti ringrazio.Non avevo fatto in tempo:questa mattina prestissimo sono stata ad una mostra di piante e fiori,una festa per gli occhi,un po meno per il portafogli,ma ogni tanto...
    Ciao,mi spiace per il maltempo,verrebbe da dire che non ci sono più le stagioni di una volta!

    RispondiElimina