CALABRIA

CALABRIA
IMMAGINI DALLA SILA

giovedì 19 marzo 2015

DEDICATO A MIO PADRE-

Se esiste un dove...

Se esiste un dove,se mai potrò incontrarti anche solo un momento,mi basterà.

Mi basterà per dirti che ti ho voluto bene,che non te l'ho mai detto per stupido pudore, perchè non erano tempi,i nostri,per perderci in “effusioni inutili”, chè necessità e bisogni più prosaicamente quotidiani incalzavano.

Mi basterà per dirti che troppo tardi ho capito il tuo vivere inquieto,diviso fra ideali nobili ed alti ed un ambiente ostile,una terra matrigna che non concedeva nulla ai sogni.

Mi basterà per dirti che non fu un fallimento l'impossibilità di darci quanto avevi sperato,ma certo quel senso di impotenza a costruire qualcosa di più per noi tutti ha contribuito a distruggerti.

Quest'anno sono centocinque anni dalla tua nascita,caro papà,
ma tu ci hai lasciati a metà del percorso in un piovoso giorno di marzo.

Siamo cresciuti,stiamo invecchiando come è normale che sia .
Tanti i nipoti che mai hai conosciuto ma che ti conoscono attraverso le nostre parole e ancora di più attraverso gli occhi e i racconti della loro nonna.

Lei è rimasta con noi più a lungo,forse perchè non smarrissimo la strada che avevamo appena iniziato a percorrere,senza di te.
Poi,completata la sua missione,con serenità ci ha lasciati anche lei.

Ciao Papa'
19 marzo 2015

martedì 10 marzo 2015

PER RICORDARE OGNI GIORNO E' BUONO..


So che siamo oltre l'OTTO MARZO,ma dovremmo abituarci a ricordare,ogni giorno dell'anno,dedicando qualche momento della nostra giornata,cosa significa questa data.Non una festa ma il ricordo di una tragedia,tutta al femminile.Non l'unica né l'ultima,purtroppo.
Un ricordo,non fuori tempo,questo mio,casomai fuori dal coro e dalle convenzioni.
Una festa di fiori,gialli come il colore del sole e della luce,lievi come pensieri,belli e timidi come la bellezza di tante donne sorelle e amiche.E qualche verso,senza pretese,che esprime la mia idea delle donne,e penso in particolare alle nostre e a tutte le mamme,nel mondo.

Ti immagino ,donna,
come albero di mimosa
ricco di rami e di fiori
su un'esile tronco.

Rami flessuosi e gentili
Ma resistenti al vento.
E radici profonde
che legano alla terra.



Madre di vita,
custode di memoria.
Forte nelle bufere,
capace di rialzarti
dopo ogni tempesta,
di riprendere a vivere
e regalare ancora
germogli di speranza
e perle di saggezza.